VENGA IL TUO REGNO

                                                                         di Federica Storace

                                                                          Venga il tuo Regno, Signore,

                                                                         nella nostra anima,

                                                                         nel profondo di noi,

                                                                    dove dimorano preziosi tesori di doti e potenzialità

                                                                     insieme con le piccolezze, il limite, a volte persino il peccato.

                                                                       Venga il tuo Regno,

                                                                     nella nostra vita di ogni giorno,

                                                                        nel nostro metterci in relazione con chi ci è più vicino,

                                                                  negli automatici gesti abituali

                                                                         che dovrebbero trasmettere premurosa attenzione e non vuota banalità.

                                                               Venga il tuo regno

                                                              nelle nostre famiglie,

                                                              sempre affannate di corsa in corsa.

                                                        Venga il tuo regno

                                                                       e ci insegni che l’amore è…far pace con noi stessi per saper accogliere gli altri

                                                                       così come sono e non come li desideriamo, su misura per noi, come un vestito.

                                                                      La moglie ed il marito,

                                                                   i figli e i genitori,

                                                                  gli amici o la comunità

                                                                     con cui condividiamo i giorni, il lavoro, gli hobby, il cuore…

                                                                       Una quotidianità spicciola, fatta di realtà e non di fantastici voli pindarici….

                                                                 Venga il tuo regno,

                                                                in noi, sulla terra, ora,

                                                               con il lavoro delle nostre mani,

                                                                la fatica delle nostre giornate,

                                                              la continua conversione del nostro cuore,

                                                               l’instancabile ricerca di Te,

                                                                     risposta per ognuna delle nostre più silenziose domande.

                                                                Sbagliare e ricominciare.

                                                                Fallire e continuare a sperare.

                                                                   Con l’unica certezza

                                                                    che il tuo Regno è già qui,

                                                                   incarnato nel tempo e nell’eternità.

                                                                   Amen

18 Novembre 2005

 

  2 - 3 - 4 - 5 - copertina libro